Italia dei valori e sincerità per la festa della repubblica

Oggi 2 Giugno è la festa della repubblica.

La Festa della Repubblica italiana è la festa nazionale italiana celebrata ogni 2 giugno. Dopo alcuni decenni di abbandono, fu resa nuovamente giorno festivo nel 2000 su iniziativa del secondo governo Amato per impulso, principalmente, dell’allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. Di fatto è la principale festa nazionale civile italiana.

In questa data si ricorda il referendum istituzionale indetto a suffragio universale il 2 e il 3 giugno 1946 con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Dopo 85 anni di regno, con 12.718.641 voti contro 10.718.502[1] l’Italia diventava repubblica e i monarchi di casa Savoia venivano esiliati.

Per la memoria democratica italiana occorre ribadire l’importanza di una repubblica fondata sul rispetto delle regole e non sul televoto.

Ecco cosa possiamo cantare oggi per ricordare che la libertà è partecipazione, non mistificazione degli avvenimenti della storia. (Fonte: Wikipedia)

Sincerità

Io voto Italia dei Valori

non i politici corrotti che…

che godon dell’immunità

Voglio votar

per un partito senza complici

Che negli armadi non ha scheletri

che crede nella Verità,

Adesso io cambio davvero

Adesso io voto Di Pietro

All’inizio eravamo pochi

e solo una grande passione

una legge uguale per tutti

ma ora che siamo in molti

manderemo via i corrotti

ed i loro avvocati “tristi”.

Ed io ora conto davvero

non sono schiavo dei media

non voglio censurare la Rete

non sono mai stato massone

e non voglio distruggere la scuola

Volgarità

nelle feste fatte qua è la

e sulle tele della proprietà

bugie diventan verità

Volgarità

nelle feste fatte qua è la

e sui giornali della proprietà

bugie diventan verità

Italia dei Valori

per me che pago le tasse

per me che vado al lavoro

e non sono un fannullone

ma stento a pagare l’affitto

e tutti i miei progetti

non son le promesse del premier

che vive in un mondo di spot

Voglio votar

per un partito senza complici

che negli armadi non ha scheletri

che cerca sol la Verità,

Adesso sono io

e voto come te

che conosci il valore della solidarietà

Il sogno è questo qui

un’Italia più pulita

da inciuci e faccendieri

di ogni tipo…

Volgarità

nelle feste fatte qua è la

e sui giornali della proprietà

bugie diventan verità

Sincerità

io voto Italia dei Valori

per un futuro un po’ più nobile

questa è la vera libertà

questa è la vera libertà

questa è la vera libertà

] Marco Costanzo [

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in antifascismo, rispetto delle regole

marcocostanzo.com

I found this fascinating quote today:

il 23 maggio 1992, sull’autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci (ma in territorio del comune di Isola delle Femmine) e a pochi chilometri da Palermo, persero la vita il giudice antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, anch’ella magistrato, e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Di Cillo, Antonio Montinaro.marcocostanzo.com, May 2009

You should read the whole article.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Schiena dritta al voto

Quando entrate nella cabina elettorale, ricordatevi che avete una grossa responsabilità rispetto alle persone che avete scelto come vostri rappresentanti.

ma soprattutt0

Lascia un commento

Archiviato in cultura è libertà, educazione civica, rispetto delle regole

Malaria, primo farmaco no-profit

Malaria, primo farmaco no-profit per il terzo mondo, costerà 1 dollaro – Scienza & Tecnologia – Repubblica.it
GINEVRA – Il primo marzo verrà lanciato un farmaco contro la malaria che si può definire rivoluzionario: non è coperto da brevetto, può essere copiato da chiunque e, più semplicemente, non ha come scopo il profitto. L’Asaq, questo il suo nome, è frutto di una collaborazione tra “Drugs for Neglected Diseases Initiative” (Dndi), ente non profit di ricerca e sviluppo fondato nel 2003 da Medici Senza Frontiere, e il laboratorio farmaceutico francese Sanofi-Aventis.

Lascia un commento

Archiviato in brevetti, cultura, no-profit

Diritti dei consumatori

Finalmente qualcosa di sinistra e facilmente percepibile da tutti!

E’ entrato in vigore il 2 febbraio scorso il decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7 recante “Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese” (file in formato .pdf).

Il provvedimento, approvato dal Consiglio dei Ministri il 25 gennaio 2007, segue quello già varato la scorsa estate a tutela del cittadino consumatore e ormai divenuto Legge 4 agosto 2006 n. 248 (file in formato .pdf).

Queste le principali novità:

  • diventa più facile aprire nuove imprese: con la nuova comunicazione telematica basterà un solo giorno;
  • diventa più facile cancellare i mutui immobiliari senza bisogno di atti notarili;
  • eliminata la scadenza ed il costo fisso per le carte prepagate dei telefoni cellulari;
  • maggiori tutele per gli automobilisti con le polizze RC auto;
  • più trasparenza sulle scadenze dei prodotti alimentari, che dovranno essere chiaramente leggibili sulle confezioni.

Il secondo ”pacchetto” sulle liberalizzazioni, approvato dal Governo il 25 gennaio scorso, comprende oltre al decreto legge n. 7/2007 anche il disegno di legge ”Misure per il cittadino consumatore e per agevolare le attività produttive e commerciali, nonchè interventi in settori di rilevanza nazionale”.

Queste alcune delle misure contenute nel ddl:

  • procedure più facili per gli indennizzi alle famiglie con invalidi civili minori;
  • abolizione Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.);
  • libera concorrenza nella distribuzione del GPL;
  • semplificazioni per l’avvio di impianti produttivi;
  • semplificazioni delle procedure per le piccole cooperative;
  • riordino e potenziamento degli istituti tecnici e professionali;
  • agevolazioni per le imprese dello spettacolo.

Le nuove norme sulla concorrenza e i diritti dei consumatori, contenute nel Titolo I della Legge 4 agosto 2006 n. 248 (file in formato .pdf), segnano una svolta nel mondo del libero mercato:

  • muovono l’economia e danno maggiore impulso alla concorrenza;
  • riqualificano le attività economiche;
  • riducono i prezzi e fanno posto ai giovani.

Con questi provvedimenti, il Governo offre maggiori opportunità di occupazione e di contrattazione e migliora i servizi che il cittadino-consumatore utilizza quotidianamente.

Dalle assicurazioni ai trasporti, dai farmaci alle banche, le parole chiave saranno tutela e trasparenza.

Gli aggiornamenti:

2 febbraio 2007 – E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 26 del 1 febbraio 2007 il decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7 recante “Misure  urgenti  per  la  tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,  lo  sviluppo  di  attivita’  economiche e la nascita di nuove imprese” (file in formato .pdf).

Governo Italiano – Dossier
Nuove norme su concorrenza e diritti dei consumatori

Lascia un commento

Archiviato in diritti cittadini, governo

Le principali novità della Manovra votata dal Senato « Angolo del Gigio

Interessante articolo per investigare nella nuova finanziaria.

I miei migliori saluti e auguri per un buon 2007
Marco Costanzo
] marcomkc [ http://espertointernet.com

Le principali novità della Manovra votata dal Senato

Lascia un commento

Archiviato in economia, finanziaria

In merito alla pena di morte

Bellissime parole in questo testo di Frankie Hi-nrg MC

Giù Le Mani Da Caino

Una voce poco fa ha definito la giustizia come “legge applicata per vendetta” e se è quella del popolo è di Dio ed io la fischio dal loggione come stecca, perché di ‘sto tenore non si può contrabbandare per parola del Signore. Punto. M’iro e faccio fuoco e fiamme se mi guardo in giro : togliere il respiro a un uomo chiuso in una cella è solamente un assassinio che cela il suo mandante nel diritto e complica il delitto circondandosi di complici che ammaccano il grilletto stando zitti, cui garantisce un alibi da vittime, costrette a uccidere per auto-difesa e usate come pesi sopra al piatto dell’accusa. Ma il gioco, lo conosco, è da villani, e puoi pure strofinartele per mesi, le tue mani restan sporche, come le coscienze di chi ancora ti sostiene mentre erigi forche come fossero altalene e poi ci appendi le persone, le lasci penzolare come stracci stesi al sole, le asfissi in una stanza, o gli inietti una sostanza dentro al cuore, o glielo fai scoppiare da un plotone.. La carne ai ferri è la tua vera religione e cerchi un capro nero, lo pascoli in un cimitero e poi lo immoli su un altare in remissione dei peccati, ma di lui non hai memoria, perché è solo un altro morto della storia…
Tieni giù le mani da Caino : sangue chiama sangue e tu rispondi al suo richiamo, predichi giustizia e poi razzoli nel crimine, arbitro venduto che dispone della vita di un suo simile….
Le favole che ti raccontano fin da bambino ti deformano, t’illudi d’essere infallibile perché fai numero, ma non t’accorgi che la tua opinione la raccolgono soltanto quando ai vertici fa comodo. Muovono la tua coscienza sopra a una scacchiera, pedina bianca tu difendi una regina nera che divora vite umane in ogni direzione mentre tu chiudi gli occhi ed apri la bocca come il pescecane.. Bruci ossigeno vitale per me e per te dicendo cose che non stanno in piedi neanche se le impali, ripeti formule contraddittorie sempre uguali fin dai tempi di Mosé.. In più ritieni il computo di occhi, denti, mani e piedi dispari, carcere ed ergastoli non bastano, non ti soddisfano : vorresti morto ogni fottuto criminale, da additare come esempio da evitare… Ma ancora non è nato il delinquente che veda nella pena della morte un deterrente e spesso capita di fare fuori un innocente come niente, e questo me lo chiami “un incidente” ? Boia dal cappuccio trasparente vivi nell’anonimato, immune dal peccato, signore incontrastato della tua mediocrità, orfano del dubbio, testa nella sabbia : vittima della tua stessa rabbia….E lo spazio per i vostri commenti…

marcomkc

2 commenti

Archiviato in cultura, cultura è libertà